Cloud privato - Gestionale Toscana

Articoli inel preventivo

Articoli in Preventivo: 0

Totale: 0,00 €

NOTA DELLA SPESA

Articoli presenti: 0

 

Private Cloud

Perche il Cloud Privato?


Perche i Tuoi dati sono ovunque. Di solito, per risparmiare, utilizziamo diverse piattaforme con nomi che cambiano secondo il paese di residenza della proprietà (Facebook, wechat, Vk, Google, Weibo, Tencent, Microsoft). Questi Signori sanno dove vivi, cosa cerchi, con chi parli, cosa compri, cosa mangi e  probabilmente  cosa pensi..
I tuoi dati rappresentano chi sei e possono essere facilmente abusati. Noi siamo certi che la privacy sia una base per la democrazia e la nostra soluzione è il modo migliore per iniziare.Niente profilazione, niente che possa consentire a terzi di sfruttare i tuoi dati personali.
 
I tuoi file
La tua musica
Le tue foto
I tuoi affari
Con pochi click si possono salvare, editare e condividere, a tua discrezione, via web i documenti e file multimediali che vengono salvati in questa soluzione di private storage cloud. Tra le caratteristiche più importanti abbiamo:
- Utenti illimitati
- HTTPS
- Possibilità di criptare lato server i dati memorizzati (Server-sided encryption) Come previsto dal GDPR in caso di dati remoti.
- Accessso via web e app mobile
- Sync client (MacOS, Windows e Linux)
- Update automatici
- Protocollo WebDAV
Il servizio viene erogato da datacenter europei in linea con le disposizioni in materia di Privacy.

NEWS IN EVIDENZA

Tentativo di estorsione fallito

data-breach
Il provider italiano di posta elettronica Email.it ha subito una violazione dei sistemi informatici: un gruppo di cyber attaccanti, che si auto definisce NoName Hacking Group, ha sottratto le informazioni relative a circa 600.000 account email e li ha messi in vendita nel dark web.

I dati di terzi in nostro possesso

hacker
In questi giorni i server dell'INPS hanno avuto problemi relativi alla grande richiesta di accessi al loro sito web questo  a causa degli aiuti previsti dal governo alle partite IVA in merito al  corona virus.
 

Non sempre le app ci aiutano

app-dannose
E' stata Privacy International (PI), una organizzazione no profit britannica il cui nome già suggerisce lo scopo, a denunciare 20 applicazioni regolarmente presenti sullo store di Google: PI ha analizzato tali app a partire dal 25 Maggio 2018, giorno in cui è entrato definitivamente in vigore il nuovo regolamento europeo per la privacy e la sicurezza dei dati, il cosiddetto GDPR.

Nuove disposizioni per la Video Sorveglianza

videosrveglianza
Nuove disposizioni in merito ai trattamenti di videosorveglianza dettate dal Comitato Europeo per la Protezione dei Dati, organismo dell'Unione europea incaricato dell'applicazione del GDPR.
 
Powered by Passepartout
Designed by Gestionale Toscana