Cancellazione sicura dei dati - Gestionale Toscana

Articoli inel preventivo

Articoli in Preventivo: 0

Totale: 0,00 €

NOTA DELLA SPESA

Articoli presenti: 0

 

Zerodati

CANCELLAZIONE SICURA CERTIFICATA

ZERODATI è la risposta ideale per adempiere in modo semplice ed economico all’obbligo di legge che impone l’azzeramento dei dati da computer e dispositivi dismessi o che cambiano destinazione d’uso.
 
Perchè è necessario cancellare i dati
Cancellare i dati in modo certo e definitivo al momento della dismissione del device o della sostituzione dell’unità di memoria è un obbligo ripetutamente indicato dal GDPR:
 
  • Art. 4 nella definizione di “trattamento” sono incluse la cancellazione o la distruzione dei dati;
  • Art. 5 si specifica che i dati devono essere conservati per un arco di tempo non superiore al conseguimento delle finalità per le quali sono trattati;
  •  
  • Art. 17 si obbliga ad avvalersi di sistemi di rimozione certificata per rimuoverli in modo permanente nel rispetto della loro Privacy (diritto all’oblio).
 
Quando si devono cancellare i dati?
E’ obbligo per ogni azienda o studio professionale di cancellare in modo sicuro e certificato i dati presenti in ogni PC, notebook, stampante e qualsiasi altro dispositivo con unità di memoria che viene
  • dismesso
  • rottamato
  • regalato
  • destinato ad altro uso
  •  
Distinzione tra formattazione/distruzione e cancellazione certificata
La distruzione fisica del disco ma anche (in teoria) la formattazione a basso livello possono assicurare la perdita definitiva dei dati, ma da un punto di vista giuridico soltanto la certificazione di avvenuta cancellazione rappresenta l’elemento liberatorio nel caso si debba poi  dimostrare che i dati siamo stati definitivamente rimossi. Il rischio della mancata cancellazione dei dati da un supporto di memoria non più utilizzato, comporta per il proprietario di quel device due tipologie di rischio:

- il rischio di ammenda per mancato rispetto di quanto indicato nella normativa GDPR
 
-  il rischio di una possibile richiesta di risarcimento da parte  ell’interessato (ovvero colui i cui dati sono rimasti nell’unità di memoria senza motivo)
 
Conformità delle modalità di cancellazione
Il Garante Privacy ha definito le modalità di cancellazione dei dati con Provvedimento del 13 ottobre 2008 (G.U. n.287 del 9 dicembre 2008) “Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) e misure di sicurezza dei dati personali”. La modalità applicata da ZERODATI è conforme a quanto indicato nell’allegato A, comma 3 del provvedimento del Garante.
 
Perchè scegliere questa soluzione
A differenza dei metodi tradizionali che prevedono la demagnetizzazione o la distruzione fisica dell’unità di memoria, la cancellazione effettuata via software tramite ZERODATI, oltre a diventare il metodo più economico, evitando ogni costo di spedizione a un centro specializzato, permette di recuperare e riutilizzare successivamente l’unità di memoria.

NEWS IN EVIDENZA

Tentativo di estorsione fallito

data-breach
Il provider italiano di posta elettronica Email.it ha subito una violazione dei sistemi informatici: un gruppo di cyber attaccanti, che si auto definisce NoName Hacking Group, ha sottratto le informazioni relative a circa 600.000 account email e li ha messi in vendita nel dark web.

I dati di terzi in nostro possesso

hacker
In questi giorni i server dell'INPS hanno avuto problemi relativi alla grande richiesta di accessi al loro sito web questo  a causa degli aiuti previsti dal governo alle partite IVA in merito al  corona virus.
 

Non sempre le app ci aiutano

app-dannose
E' stata Privacy International (PI), una organizzazione no profit britannica il cui nome già suggerisce lo scopo, a denunciare 20 applicazioni regolarmente presenti sullo store di Google: PI ha analizzato tali app a partire dal 25 Maggio 2018, giorno in cui è entrato definitivamente in vigore il nuovo regolamento europeo per la privacy e la sicurezza dei dati, il cosiddetto GDPR.

I rischi dello smart working a cura di Avv. Gianni Dell’Aiuto

smart-working
La possibilità di ricorrere allo smart working è sicuramente un valore in più per l’azienda: lo è in condizioni di normalità, quando può essere data ad un lavoratore in difficoltà la possibilità di lavorare da remoto, lo è ancora di più in questo contesto emergenziale.
 
Powered by Passepartout
Designed by Gestionale Toscana