Fingerprint protezione USB - Gestionale Toscana

Articoli inel preventivo

Articoli in Preventivo: 0

Totale: 0,00 €

NOTA DELLA SPESA

Articoli presenti: 0

 

Fingerprint

 
Un dispositivo USB (Pennetta) utilizzato per conservare copie di dati personali oppure per spostarli da una posizione ad un'altra a causa delle piccole dimensioni é particolarmente soggetto allo smarrimanto  e al furto. FINGERPRINT è un dispositivo che utlizza l'impronta digitale per accedere ai dati contenuti. In caso di smarrimento e furto i dati  al suo interno saranno illeggibili alle persone non autorizzate.

Questa sicurezza consente, in caso di perdita del dispositivoi, di essere  esonerati dall'obbligo di denunciare la violazione (data breach) come previsto dall'
 
Articolo  34 del GDPR - Comunicazione di una violazione dei dati personali all' interessato.

“Non è richiesta la comunicazione all’interessato di cui al paragrafo 1 se (...) il titolare del trattamento ha messo in atto le misure tecniche e organizzative adeguate di protezione e tali misure erano state applicate ai dati personali oggetto della violazione, in particolare quelle destinate a rendere i dati personali incomprensibili a chiunque non sia autorizzato ad accedervi, quali la cifratura.
 

Perchè USB Fingerprint + cloud backup?

L'utilizzo dei due componenti tramite il PC consente di gestire in maniera efficace la gestione dei Backup tra PC e Chiavetta sfruttando le possibiltà offerte dal  Cloud e sarà quindi possibile ripristinare rapidamente una copia in caso di perdita o furto come indicato dall'
 
Articolo 32 del GDPR - Sicurezza del trattamento:

1. (...) il titolare del trattamento e il responsabile del trattamento mettono in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire un livello di sicurezza adeguato al rischio, che comprendono, tra le altre, se del caso:(...) c) la capacità di ripristinare tempestivamente la disponibilità e l’accesso dei dati personali in caso di incidente fisico o tecnico;

NEWS IN EVIDENZA

Tentativo di estorsione fallito

data-breach
Il provider italiano di posta elettronica Email.it ha subito una violazione dei sistemi informatici: un gruppo di cyber attaccanti, che si auto definisce NoName Hacking Group, ha sottratto le informazioni relative a circa 600.000 account email e li ha messi in vendita nel dark web.

I dati di terzi in nostro possesso

hacker
In questi giorni i server dell'INPS hanno avuto problemi relativi alla grande richiesta di accessi al loro sito web questo  a causa degli aiuti previsti dal governo alle partite IVA in merito al  corona virus.
 

Non sempre le app ci aiutano

app-dannose
E' stata Privacy International (PI), una organizzazione no profit britannica il cui nome già suggerisce lo scopo, a denunciare 20 applicazioni regolarmente presenti sullo store di Google: PI ha analizzato tali app a partire dal 25 Maggio 2018, giorno in cui è entrato definitivamente in vigore il nuovo regolamento europeo per la privacy e la sicurezza dei dati, il cosiddetto GDPR.

I rischi dello smart working a cura di Avv. Gianni Dell’Aiuto

smart-working
La possibilità di ricorrere allo smart working è sicuramente un valore in più per l’azienda: lo è in condizioni di normalità, quando può essere data ad un lavoratore in difficoltà la possibilità di lavorare da remoto, lo è ancora di più in questo contesto emergenziale.
 
Powered by Passepartout
Designed by Gestionale Toscana