Soluzioni Antivirus - Gestionale Toscana

Articoli inel preventivo

Articoli in Preventivo: 0

Totale: 0,00 €

NOTA DELLA SPESA

Articoli presenti: 0

 

Proposte

Due sono le  Soluzioni Antivirus che proponiamo: la prima “QUICK-HEAL” da installare su ogni PC aziendale, la seconda in cloud  “SEQRITE” per le aziende che hanno necessità di un controllo centralizzato, non solo per contrastare i virus ma controlla anche quali applicazioni possono essere usate, i tempi di utilizzo di internet ed il controllo DLP (Data Loss Prevention) cioé sapere chi ha modificato, copiato e cancellato un file e se aveva i permessi per farlo.

Quick Heal Technologies è uno dei più importanti fornitori mondiali di soluzioni di sicurezza ed è una società certificata ISO 9001. Tutti i prodotti Quick Heal sono stati progettati per semplificare la gestione della sicurezza e sono ideati per soddisfare i consumatori, i liberi professionisti, le piccole imprese, gli enti governativi e le aziende.

Nell'arco di 22 anni, dalla fondazione ad oggi, l'azienda si è concentrata sullo sviluppo di sempre più avanzate soluzioni per la sicurezza informatica dei sistemi e delle reti informatiche.

L'attuale portafoglio di soluzioni di sicurezza, tutte basate sul cloud e su tecniche avanzate di autoapprendimento, consentono di bloccare le minacce, gli attacchi e il traffico dannoso prima che possano colpire. Questo riduce notevolmente l'utilizzo delle risorse di sistema.

Le soluzioni di sicurezza sono sviluppate in India da ingegneri e personale diretto. L'intera gamma delle soluzioni Quick Heal è di proprietà di Quick Heal Technologies (P) Ltd. ed è soggetta al copyright.

Seqrite Endpoint Security Cloud garantisce una sicurezza di endpoint avanzata e una protezione dati integrata in una soluzione unica. Si tratta di una combinazione tra Enterprise Total e Data Loss Prevention (DLP), e la soluzione innovativa riguarda le sue funzioni avanzate. Enterprise Suite non si limita solo a salvare e riparare le vulnerabilità di sicurezza, bensì inoltre unisce in un'unica soluzione malware, dispositivo, navigazione, phishing e protezione-dati.

Nello specifico, infatti, la DLP consente alle aziende di combattere le minacce di furto dei dati regolando e controllando il trasferimento tramite unità removibili, condivisioni di rete, servizi e applicazioni online ed anche tramite la funzione print screen e la copia in appunti.

lnoltre DLP dà la possibilità di monitorare i dati sensibili in base a natura e tipo. In questo modo le aziende possono controllare il flusso di ogni genere di documento (documenti office, grafici, di programmazione, credenziali) e realizzare raccolte personalizzate definite dall'utente per il monitoraggio dei dati.
 

PERCHE' GLI ANTIVIRUS?
La domanda non è: “se sarai infettato” ma “quando lo sarai!”.

 
Le aziende a causa delle loro caratteristiche vengono infettate a più riprese e questo avviene secondo la statistica il 70% delle volte.Non sempre si riesce a trovare una soluzione al disastro. Questi virus si diffondono a causa del basso livello di attenzione degli utenti, che a causa del loro lavoro sono occupati a svolgere molte mansioni e in moltissimi casi rispondono alle e-mail quasi automaticamente scatenando il virus.
Negli anni passati si sono raggiunte cifre da capogiro, decine di milioni di PC sono stati infettati da ransoware che rispetto agli anni precedenti sono evolvano tecnicamente in modo progressivo.
Questo tipo di virus è ancora ritenuto dai criminali informatici un buon sistema per avere liquidità di cassa. Ad oggi risultano 120 circa i tipi di ransomware e ne é prevista una costante crescita. La domanda che si pongono tutti  è: chi li produce e a che scopo?
Questi signori non sono gli utilizzatori ma bensì i produttori che mettono a disposizione di chiunque si affili ai loro portali nascosti nel deep web il ransomware per poi  decidere il prezzo del riscatto e quali le loro competenze e successivamente scaricare il programma ed iniziare a fare spamming.
Il portale incasserà i Bitcoin, valuta non tracciabile, quale premio del riscatto e verserà la percentaule concordata con l’affiliato. La cifratura dei file  avviene con chiave RSA a 4096 Bit cambiando l’estensione dei file.
 

PERCHE' NON UTILIZZARE ANTIVIRUS FREE

Gli aggiornamenti

 
I ransomware si aggiornano di continuo, ed usano tecniche di mimetizzazione molto evolute, proprio per sfuggire al controllo degli antivirus.

Le definizioni dei software antivirus
commerciali si aggiornano anche più volte al giorno… a seconda dei momenti anche qualche decina di volte al giorno.

Un prodotto gratuito non può garantire questa velocità e quindi si passano dei lunghi momenti “scoperti”, seriamente esposti a una minaccia in circolazione.

Gestione da remoto


I sistemi antivirus moderni possono essere gestiti da personale tecnico esterno. Con queste soluzioni in pratica, un tecnico potrà decidere per il cliente, ed agire di conseguenza senza che l’utente si debba prendere responsabilità inutili

Supporto tecnico


I prodotti commerciali offrono nel canone annuale  un servizio di supporto tecnico per tutti i problemi compresi i ransomware.

Nel caso degli Antivirus  gratuiti, nel migliore dei casi il supporto avviene tramite volontariato. In pratica si deve inviare una richiesta di aiuto sperando che qualcuno legga la nostra richiesta , sia in grado di darci una mano  e soprattutto  abbia voglia di farlo.
 

NEWS IN EVIDENZA

I dati di terzi in nostro possesso

hacker
In questi giorni i server dell'INPS hanno avuto problemi relativi alla grande richiesta di accessi al loro sito web questo  a causa degli aiuti previsti dal governo alle partite IVA in merito al  corona virus.
 

Non sempre le app ci aiutano

app-dannose
E' stata Privacy International (PI), una organizzazione no profit britannica il cui nome già suggerisce lo scopo, a denunciare 20 applicazioni regolarmente presenti sullo store di Google: PI ha analizzato tali app a partire dal 25 Maggio 2018, giorno in cui è entrato definitivamente in vigore il nuovo regolamento europeo per la privacy e la sicurezza dei dati, il cosiddetto GDPR.

I rischi dello smart working a cura di Avv. Gianni Dell’Aiuto

smart-working
La possibilità di ricorrere allo smart working è sicuramente un valore in più per l’azienda: lo è in condizioni di normalità, quando può essere data ad un lavoratore in difficoltà la possibilità di lavorare da remoto, lo è ancora di più in questo contesto emergenziale.

Cyber criminali e Corona Virus

coronavirus-e-cyber-criminali
Per qualche giorno si è registrato un proliferare di applicazioni per il tracciamento di persone risultate positive al test da Covid-19: erano così tante da aver spinto Google a stabilire delle regole specifiche
ISCRIZIONE NEWSLETTER
 
Powered by Passepartout
Designed by Gestionale Toscana