Accesso area riservata
   

misure minime per GDPR in vigore 25 maggio 2018

misure minime per GDPR

Il GDPR entrerà in vigore il 25 maggio 2018 e solo gli addetti del settrore ne parlano.
Queste nuove disposizioni messe a punto dalla Comunità Europea avranno un grande impatto sulla gestione dei dati che normalmente utlizziamo nelle nostre aziende.

Navigando sulla rete troviamo centinaia se non migliaia di documenti che spiegano queste nuove disposizioni e tutti naturalmente sostengono il proprio punto di vista e i propri interessi.

Il regolamento é complesso e occorrerà del tempo perchè tutto quello che prevede venga assimilato dagli utenti ma una cosa è certa dobbiamo essere sicuri fin da subito che le misure minime di sicurezza siano implementate nei nostri sistemi.

Qui la domanda nasce spontanea: quali sono le misure minime di sicurezza?

Anche in questo caso l’interpretazioni sono quasi sempre di parte e per cercare di fare chiarezza in merito ci siamo rivolti, sempre tramite la rete, al CINI Cyber Security National Lab istituto dell’ Università di Roma “La Sapienza” e abbiamo estrapolato dal documento “Italian Cyber Security Report” a cura dei Sig, Roberto Baldoni e Luca Montanari, la parte destinata alle PMI e che potrete consulatre tramite questo link: https://www.nuvolatoscana.it/2952-2/ .

Se avrete l’accortezza di prenderne visione, vista la struttura del documento, sarà facile per voi capire a che punto si trova la vostra azienda in materia di misure minime di sicurezza e di conseguenza prendere le decisioni necessarie.

Siamo certi di aver fornito dei riferimenti indipendenti in relazione a cosa si debba fare o non fare in materia di misure minime di sicurezza questo non significa che anche la nostra struttura non abbia una soluzione ad hoc per ogni punto contenuto nel documento.

Se volte approfondire l’argomento vi consigliamo di accedere al sito https://www.nuvolatoscana.it dove potrete trovare vari documenti che trattano l’argomento e alcune nostre proposte per allinearsi a quanto richiesto dalle nuove disposizioni Europee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *